Gioco e Sport. Quando iniziare l’attività sportiva?

Il gioco contribuisce in maniera importante allo sviluppo cognitivo ed è anche profondamente legato alla relazione sociale. Il valore educativo del gioco è  pertanto  indiscutibile. Durante il gioco si acquisiscono qualità importanti come la perseveranza, l’attenzione e la costanza.  Esistono giochi imitativi, simbolici (facciamo finta che) e poi quelli normativi ( con regole). Il gioco e la competizione sono entrambi necessari per crescere ma la competizione da sola, senza la componente del gioco, non basta. Infatti, il gioco insegna a muoversi, a immaginare, a pensare.   Il bambino che gioca costruisce, sente e agisce per appropriarsi del mondo che lo circonda.

Spesso lo sport viene chiamato gioco e non a torto. Lo sport è un’attività individuale o collettiva che ha come scopo il miglioramento della forma fisica e mentale, oltre a essere un buon modo per socializzare. Il gioco abbraccia in realtà una fascia più ampia di attività ( ad esempio carte e videogiochi che  non sono attività sportive);  il gioco è ricreativo e non competitivo e in fondo noi  giochiamo per tutta la vita (non si dice infatti  giocare in borsa  o giochi d’amore’’?) Il gioco è un’attività più libera, spontanea, non perfettamente inquadrata e varia poichè  è espressione incondizionata del bisogno di divertimento ed evasione.

Lo  sport  ha una tempistica precisa e una serie di attivita’ definite. Lo sport presuppone una serie di abilità e competenze ben strutturate, ha un fine e soprattutto delle regole, equamente stabilite, accettate e più o meno condivise.

Quando è meglio iniziare a fare sport? Si comincia spesso in prossimità dell’età scolare anche se, per alcuni sport  come il calcio, è  meglio attendere fino  agli 8/9 anni  mentre per altri sport come judo, karate, hockey, nuoto, pattinaggio, equitazione, scherma si può iniziare anche molto prima.  La vera questione è il saper scegliere l’attività più adatta per ognuno.

“Il bambino che gioca costruisce, sente e agisce per appropriarsi del mondo che lo circonda.”

Adriana caviglia

Autore

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *